Paesaggi e Ceramica

 

Pensiamo, che la ceramica oltre a rappresentare se stessa e la personalità di chi l’ha prodotta, deve evocare un racconto. Così abbiamo scelto di raccontare nelle nostre ceramiche di luoghi e di “genti vive” che li abita.

 

Il nostro mentore

 


Bruno Munari, diceva che non è possibile prescindere dall’osservazione di oggetti della vita quotidiana per giungere alla bellezza di una forma giusta da usare.

Progetti che prendono forma dall’osservazione di un territorio con una storia millenaria. E’ il territorio in cui viviamo, i suoi paesaggi, le sue antiche pratiche o oggetti dimenticati, che ancora ritroviamo nella memoria pugliese.

Il Mood di GiùInLab

 

Alcuni li abbiamo reinterpretati, esaltandone il loro carattere formale(texture, disegni, forme) per farne oggetti d’uso quotidiano e per l’arredamento, altri li abbiamo inventati.
I nostri riferimenti sono i territori della Terra d’Egnazia, i suoi simboli, il paesaggio agrario e marino, gli ambienti di vita, le essenze arboree,
Attraverso le forme ed i simboli di terra e di mare e dei colori di questa terra, le nostre ceramiche diventano “ceramiche narranti”.

 

Il nostro brand di punta


La terracotta incontra la ricotta: le fuscelle, i cestini per la produzione di ricotte e formaggi, hanno dato vita al nostro brand di punta, le TerRicottine. Bicchierini, tazze, terrine da forno, cestini, paralumi per lampade, grazie alle loro forme, alle texture in basso rilievo, ai colori, al loro design ed alla loro raffinata fattezza, restituiscono agli ambienti vivacità, originalità e grande personalità.

 

Forme, simboli ed essenze

 

Cesti usati dai pescatori danno forma e texture alla Tiella col cappello, il tegame in argilla refrattaria da forno, per la preparazione del piatto tipico barese, il “patate, riso e cozze”.

I centrini all’uncinetto delle nonne li abbiamo impressi sulle nostre argille, trasformando quei ricami in piatti, centrotavola, sottobicchieri, lampade in ceramica.

Le melegrane della messapia, sono impresse attraverso l’uso di frutti veri sulle nostre argille.

Così le foglie di fico, i corbezzoli, capperi, fiori selvatici, sono fossilizzati per sempre nella ceramica di piatti, vassoi, sottobicchieri del progetto Terra d’Egnazia.


Il Fiore della Vita è un simbolo universale che appartiene anche a questa terra, lo ritroviamo ad adornare portali e balaustre di antiche chiese. Il suo disegno caratterizza le texture a bassorilievo di piatti, sottobicchieri, incensieri.
E poi i pesci, le stelle marine ed  i coralli che adornano le linee dei piatti Mediterrae , gli “Hellofish, i nostri simpatici scaccia guai in tutti i colori GiùInLab.

Questo sito utilizza del dolci cookie per te, per monitorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione. maggiori informazioni

Questo sito utilizza dei dolci cookie anche di terze parti, per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui.

Chiudi